Le catanesi creatrici dell’eco tessuto vitaminico fatto con gli scarti delle arance vincono la Elle Impact2 For Women Award

Catanesi_ModaDue ragazze catanesi, con la voglia di rivoluzionare il mondo della moda grazie al loro tessuto ecosostenibile, hanno vinto la prima edizione italiana del premio per l’imprenditoria sostenibile femminile voluto da ELLE e Le Comptoir de l’Innovation con il sostegno del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Un’altra vittoria per la Orange Fiber dopo tante altre, tra le quali quella della Global Change Award 2015. Le giovanissime sono state premiate a febbraio 2016 dalla Principessa Victoria di Svezia per essere tra i 5 vincitori della competizione con un premio di 150.000 euro.

Le ragazze hanno creato un tessuto ecosostenibile, ricavato dagli scarti delle arance siciliane, che grazie alle nanotecnologie rilascia vitamina C sulla pelle.

Sempre più spesso si sente parlare di tessuti e colori che danneggiano la pelle, le due siciliane combattono per rivoluzionare il mondo della moda in modo sostenibile con un tessuto che fa bene non solo all’ambiente ma anche a chi lo indossa.

L’idea è nata nel 2012 dalla tesi di Adriana Santanocito che ha coinvolto la sua coinquilina a Milano Enrica Arena. In collaborazione con il dipartimento di chimica dei materiali del Politecnico di Milano hanno sviluppato il progetto e depositato lì stesso il brevetto.

Perché le arance?

Perché la Sicilia, come dicono loro “il paese delle arance”, non aveva ancora trovato un modo, più semplice rispetto alle vie legali che esistono ma che non tutti attuano, per smaltire le bucce di questo agrume, al contrario del limone.

Più di 700.000 tonnellate l’anno di scarti di arance verrebbero utilizzati per creare questo tessuto morbido come la seta ed inodore.

Da Caltagirone, dove si trova un’industria che estrae succo fresco ed olio essenziale, le bucce delle arance vengono spedite in altro stabilimento della provincia dove viene estratta la cellulosa che in seguito viene mandata in Spagna per essere trasformata in filati, perché in Italia non ci sono più aziende che si occupano di questo processo; dalla Spagna i filati tornano in Italia nell’azienda di Rovereto dove si crea il tessuto.

Come affermano le due imprenditrici: la moda influenza la società e per questo motivo è il mezzo ideale per il cambiamento.

Laura Ciancio

Fonte: Acicastello Informa

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *